© Helvetas/Stephane Brabant
Benin

Recuperare gli anni scolastici persi

© Helvetas/Stephane Brabant

In Benin un terzo dei giovani non sa né leggere né scrivere poiché ha abbandonato precocemente la scuola primaria. Nel nord-est del Paese Helvetas sostiene la costruzione e la gestione di centri scolastici in cui i bambini possano recuperare gli anni di scuola persi.

  • Nome del progetto
    Formazione scolastica alternativa per chi ha abbandonato la scuola
  • Fase del progetto
    2016 - 2020
  • Finanziamento
    Questo progetto è un mandato della DSC.
  • Focus tematico
    Formazione professionale ed educazione

Si torna a scuola

Le autorità del Benin hanno riconosciuto il valore della formazione scolastica, destinandole il 4,5-5 % del reddito nazionale lordo, quasi come la Svizzera. Tuttavia, circa un terzo dei giovani di età compresa tra 15 e 24 anni non sa né leggere né scrivere. Hanno smesso di andare a scuola molto presto, spesso perché i genitori avevano bisogno di manovalanza oppure perché non davano il giusto valore all’istruzione. Nel caso delle ragazze, poi, le interruzioni degli studi sono decisamente più frequenti che tra i ragazzi.

In un progetto nel nord-est del Paese Helvetas sostiene 86 centri in cui i bambini possono recuperare gli anni di scuola persi. Molti di questi centri, detti barka, consentono inoltre agli scolari di imparare semplici abilità artigianali. Negli 86 barka sono iscritti più di 3'200 allievi, di cui il 60 % sono ragazze, una percentuale insolitamente elevata per una scuola in Benin.

La vostra donazione

Permette alle famiglie di avere accesso all'acqua potabile, oppure ai bambini di andare a scuola, ai giovani di ricevere una formazione professionale o ai contadini di guadagnare di più.
Donare ora
© Helvetas/Stephane Brabant
Una donna spiega il funzionamento di un telaio. © Helvetas/Stephane Brabant
1/6
© Helvetas/Stephane Brabant
Una donna al telaio. © Helvetas/Stephane Brabant
2/6
© Helvetas/Stephane Brabant
Donne al lavoro al telaio. © Helvetas/Stephane Brabant
3/6
© Helvetas/Stephane Brabant
In Benin la professione di sarto è molto richiesta anche tra i giovani uomini. © Helvetas/Stephane Brabant
4/6
© Helvetas/Stephane Brabant
Le lezioni sono organizzate secondo metodi moderni che consentono ai bambini di studiare in modo attivo. © Helvetas/Stephane Brabant
5/6
© Helvetas/Stephane Brabant
Anche il materiale didattico è stato sviluppato in modo speciale. La lezione all’inizio è tenuta nella lingua locale e in seguito in francese. © Helvetas/Stephane Brabant
6/6

I centri scolastici sono profondamente radicati nelle collettività. Le autorità locali promuovono l'edificazione e la popolazione aiuta nella costruzione di piccoli edifici scolastici. Grazie al fatto che le lezioni vengano dapprima tenute nella lingua locale e solo in secondo tempo in francese è stato possibile conquistare la fiducia dei genitori. Nei refettori di molti centri scolastici si cucina con le verdure dell’orto coltivato sul posto. Se necessario vengono scavati pozzi e installate latrine.

Il progetto comprende anche la formazione continua dei docenti e l’elaborazione di materiali didattici. Pur non facendo ancora parte dell’offerta formativa ufficiale del Benin, queste scuole hanno già prodotto un certo impatto. Due ministri del governo centrale hanno partecipato a una cerimonia del progetto e per la prima volta i barka sono menzionati nel piano decennale della politica formativa nazionale.

Il progetto è un mandato della DSC, realizzato da Helvetas in collaborazione con l’ONG svizzera Solidar.

© Helvetas/Stephane Brabant
«Mi piace tanto la mia scuola. Qui non vengo picchiato e c’è anche da mangiare. Qui posso imparare a leggere nella mia lingua.»

Soule Soudick, 12 anni, scolaro

© Helvetas/Stephane Brabant
Nelle ore scolastiche i bambini recuperano le materie di studio trascurate. © Helvetas/Stephane Brabant
1/7
© Helvetas/Stephane Brabant
L’aritmetica riveste un ruolo importante. © Helvetas/Stephane Brabant
2/7
© Helvetas/Stephane Brabant
A scuola gli scolari coltivano un orto, il cui raccolto arricchisce il menù della mensa scolastica. © Helvetas/Stephane Brabant
3/7
© Helvetas/Stephane Brabant
Negli orti scolastici i bambini imparano molto sulla coltivazione degli ortaggi. © Helvetas/Stephane Brabant
4/7
© Helvetas/Stephane Brabant
Negli orti scolastici i bambini imparano molto sulla coltivazione degli ortaggi. © Helvetas/Stephane Brabant
5/7
© Helvetas/Stephane Brabant
Negli orti scolastici i bambini imparano molto sulla coltivazione degli ortaggi. © Helvetas/Stephane Brabant
6/7
© Helvetas/Stephane Brabant
Ragazze e ragazzi sono orgogliosi dei propri ortaggi. © Helvetas/Stephane Brabant
7/7

Formazione professionale ed educazione

La mancanza di istruzione è una causa del perpetrarsi di povertà e disuguaglianza. I Paesi con sistemi educativi carenti hanno scarse possibilità di essere competitivi a livello economico.

Come Helvetas sostiene le persone in Benin

In Benin Helvetas concentra i propri sforzi nell’istruzione e nell’integrazione professionale nonché nell’approvvigionamento di acqua potabile e nella creazione di una migliore infrastruttura sanitaria.

Orticoltrici urbane in Benin

Scoprite come la coltivazione di ortaggi biologici ha migliorato la vita di molti piccoli agricoltori in Benin.