© Helvetas, Simon B. Opladen

Advocacy nel Sud

L’attività portata avanti dai progetti ha effetti a lungo termine solo se le condizioni politiche generali lo consentono. Per questo Helvetas si impegna nel dialogo costruttivo con i governi, l’economia privata e la società civile.
© Helvetas, Simon B. Opladen

I processi di sviluppo a livello locale sono fortemente condizionati dalle condizioni politiche, economiche e sociali in cui si inquadrano. Oltre che nelle attività politiche a favore dello sviluppo in Svizzera e a livello internazionale, Helvetas si impegna dunque anche nel dialogo politico nei Paesi in sviluppo. Ad esempio, in un Paese sono possibili progressi a lungo termine nell’approvvigionamento idrico per i più poveri solo se il governo sancisce per legge il diritto umano all’acqua, inserendo misure corrispondenti nella politica idrica nazionale. Per poter raggiungere obiettivi come questo è necessario un dialogo aperto tra governo, società civile e settore privato, dialogo per il quale in molti Paesi partner mancano tuttavia i presupposti.

Sostegno di attori selezionati 

Per questo motivo Helvetas promuove lo scambio orientato a soluzioni tra i diretti interessati e i responsabili decisionali, soprattutto attraverso il sostegno di attori selezionati: associazioni regionali di agricoltori che si difendono dall’esproprio illegale della terra o comitati idrici locali che lottano per una base giuridica a livello nazionale. Oltre a ciò Helvetas cerca di creare e mantenere piattaforme per un dialogo aperto e trasparente. Laddove fosse necessario e opportuno, Helvetas si impegna però anche nello scambio diretto con i responsabili decisionali, adoperandosi per una politica orientata alle necessità degli strati di popolazione più poveri.

Politica dello sviluppo in Svizzera

La Svizzera deve orientare la propria politica internazionale sulla giustizia sociale, sulle pari opportunità e su condizioni di vita e lavorative dignitose.

Politica internazionale

La Svizzera deve assumersi le proprie responsabilità nei confronti dei Paesi più poveri, anche negli ambiti della propria politica in materia di economia estera, clima e migrazione.