© flurinarothenberger
Haiti

Costruttori di latrine ambasciatori dell’igiene

© flurinarothenberger

Delle informazioni che mettono in guardia sui pericoli derivanti dalla carenza di igiene. Dei costruttori di latrine debitamente formati fanno pubblicità al proprio mestiere. Helvetas vuol far sì che le persone investano nella costruzione di una latrina.

  • Nome del progetto
    MECAH: costruzione di latrine e igiene
  • Fase del progetto
    2018 - 2020
  • Finanziamento
    Questo progetto è finanziato attraverso delle donazioni.
  • Focus tematico
    Acqua
    Giustizia sociale e di genere
    Sostegno alle aree urbane

Fare affari con i bisogni

Solo il 58 % della popolazione haitiana ha accesso all’acqua potabile e solo il 28 % a una latrina. Sono dati di gran lunga peggiori di quelli di tutti i Paesi limitrofi. Non stupisce quindi che non si sia ancora riusciti a debellare il colera in seguito all’epidemia del 2010, anno del catastrofico terremoto. I dati insoddisfacenti non rispecchiano solo il disinteresse delle autorità pubbliche verso il settore idrico, ma sono anche la conseguenza del cosiddetto assistenzialismo, dell’invio sconsiderato di aiuti umanitari e della passività insorta nella popolazione a seguito di tale condizione, una popolazione che di fatto vive nella speranza che da qualche parte giungerà prima o poi un’opera di soccorso che finanzi urgentemente gli impianti necessari. Per tale motivo, nel 2012 il governo ha vietato la sovvenzione di latrine.

© flurinarothenberger
  © flurinarothenberger
1/2
© flurinarothenberger
  © flurinarothenberger
2/2

Helvetas ha reagito a tale divieto con il progetto MECAH (acronimo che sta per «mercato delle latrine, informazione sull’igiene»). L’iniziativa si rivolge a muratori locali che vanno ad ampliare le proprie abilità per realizzare latrine in modo semplice, economicamente vantaggioso ed efficiente. I muratori hanno un interesse diretto e materiale a vendere il maggior numero possibile di latrine. E affinché possano mostrare ai potenziali clienti le ragioni per cui hanno bisogno di una latrina, ricevono una formazione nelle questioni igieniche e di salute. Un certificato conferisce maggior peso alle parole.

Parallelamente, le famiglie sono sensibilizzate sulla questione dell’igiene tramite diversi canali. Da una parte Helvetas forma promotrici sanitarie, delle quali due terzi sono giovani donne. Queste si recano presso le famiglie e forniscono loro, tra l’altro, informazioni sui pericoli che corrono se tutti fanno i propri bisogni all’aperto. Dall’altra, Helvetas promuove trasmissioni sull’igiene tramite la radio locale e campagne sui social network, le quali aumentano la domanda di latrine.

© flurinarothenberger
© flurinarothenberger
1/2
© Helvetas / Flurina Rothenberger
© Helvetas / Flurina Rothenberger
2/2

Il progetto è un tentativo di promuovere la costruzione di latrine non avvalendosi delle sovvenzioni bensì con l’impiego di artigiani orientati alle vendite. Per ancorare i meccanismi nelle strutture statali, Helvetas coinvolge i rappresentanti delle autorità locali e nazionali. Ad esempio, Helvetas organizza un corso di formazione continua per costruttori di latrine riconosciuto in tutto il Paese. Numerose ONG che operano ad Haiti sono interessate alle esperienze fatte da Helvetas con il nuovo approccio.

Acqua

Spesso i più poveri hanno a disposizione solo acqua contaminata. Ogni anno forniamo l’accesso ad acqua potabile e impianti sanitari a 500'000 persone.