© Helvetas
Balerna e Zurigo – 10 aprile 2019

Un nuovo articolo di Nature Sustainability dimostra che l’agricoltura biologica porta ad una svolta

© Helvetas

L'agricoltura biologica fornisce importanti impulsi per rendere il nostro sistema alimentare più sostenibile. Undici esperti internazionali - tra cui Frank Eyhorn di Helvetas e Adrian Müller dell’Istituto di ricerche dell’agricoltura biologica (FiBL) come autori principali – lo dimostrano in un articolo sulla rinomata rivista Nature Sustainability. Essi chiedono che i governi sostengano solo sistemi agricoli vantaggiosi per l'uomo e l'ambiente.

La rivista di fama internazionale Nature Sustainability ha recentemente pubblicato un articolo con nuove scoperte sul ruolo dell'agricoltura biologica. Undici esperte ed esperti internazionali dimostrano che l'agricoltura biologica non è più una nicchia irrilevante, bensì svolge un ruolo importante nel rendere sostenibili i nostri sistemi alimentari.  Cambiamento climatico, perdita di biodiversità e povertà rurale - queste sono senza dubbio le principali sfide globali di oggi. Gli esperti concordano sul fatto che il modo in cui produciamo e consumiamo gli alimenti debba cambiare urgentemente per far fronte a queste sfide. Tuttavia, il modo per raggiungere questo obiettivo è molto controverso: dobbiamo rendere gradualmente più sostenibile l'agricoltura convenzionale o promuovere sistemi alternativi come l'agricoltura biologica? Secondo gli undici esperti, entrambi gli approcci possono andare di pari passo, stimolandosi a vicenda. Questa nuova prospettiva consente di allineare in modo coerente la politica agli obiettivi dell'Agenda 2030 globale delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, per la quale si è impegnata anche la Svizzera. Gli autori dell’articolo richiedono quindi una combinazione di misure che promuovano specificamente sistemi sostenibili, creino incentivi economici per metodi di produzione rispettosi dell'ambiente e prevengano pratiche particolarmente dannose. Ha quindi senso aumentare il sostegno all'agricoltura biologica, circoscrivere le sovvenzioni ai metodi di produzione rispettosi dell'ambiente e vietare i pesticidi nocivi.

È necessario un cambio di paradigma

“Per troppo tempo abbiamo condotto dibattiti accesi in merito alle tecnologie che avrebbero alimentato il mondo. Dobbiamo superare urgentemente le barriere ideologiche e gli interessi particolari per accelerare il necessario cambiamento verso un sistema alimentare sostenibile”, afferma Frank Eyhorn dell'organizzazione svizzera indipendente di sviluppo Helvetas. E Adrian Müller del FiBL sottolinea: "Fondamentalmente, paghiamo più volte per alimenti apparentemente a buon mercato: alla cassa, con le tasse per le sovvenzioni agricole, per riparare i danni causati dall'agricoltura intensiva e per l'aumento dei costi sanitari. Non possiamo più permettercelo". Ci sono già i primi segni di un cambiamento di paradigma: l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura ha recentemente riconosciuto il ruolo dei sistemi agricoli
alternativi, quali l'agricoltura biologica, come strumento per affrontare le grandi sfide associate al nostro attuale sistema alimentare. Germania, Austria, India e Kirghizistan, ad esempio, hanno già programmi ambiziosi per promuovere l'agricoltura biologica. La Svizzera, invece, sta ancora avendo delle difficoltà.

Contatti:

  • Frank Eyhorn, Consulente esperto Agricoltura sostenibile e sicurezza alimentare, Helvetas, Tel. +41 (0)44 368 65 32, frank.eyhorn@helvetas.org
  • Adrian Müller, Forschungsinstitut für biologischen Landbau FiBL, Tel. +41 (0)62 8657252, adrian.mueller@fibl.org
  • Gloria Spezzano, addetta alla comunicazione di Helvetas, Tel. +41 (0)91 820 09 07, gloria.spezzano@helvetas.org
  • Franziska Hämmerli, addetta stampa FiBL, Tel. +41 (0)62 865-7280, franziska.haemmerli@fibl.org  

Link:

Nature Sustainability «Sustainability in global agriculture driven by organic farming»  

Autori:

  • Frank Eyhorn, Helvetas, Svizzera. 
  • Adrian Müller, Istituto di ricerche dell’agricoltura biologica FiBL e ETH Zurigo, Svizzera.
  • John P. Reganold, Washington State University, Pullman, USA.
  • Emile Frison, International Panel of Experts on Sustainable Food Systems (iPES Food).
  • Hans R. Herren, Millennium Institute, Washington DC, USA.  
  • Louise Luttikholt, IFOAM – Organics International, Bonn, Germania. 
  • Alexander Müller, TMG Think Tank for Sustainability, Berlino, Germania.
  • Jürn Sanders, Thünen Institut, Braunschweig, Germania. 
  • Nadia Scialabba, TMG Think Tank for Sustainability, Berlino, Germania. 
  • Verena Seufert, Institute for Environmental Studies, VU University Amsterdam, Paesi Bassi. 
  • Pete Smith, University of Aberdeen, Regno Unito.

 
Informazioni su Helvetas

Helvetas è un’associazione apartitica e aconfessionale, che può contare su circa 100'000 fra membri e donatori. L’organizzazione di cooperazione allo sviluppo è attiva in Africa, Asia, America Latina ed Europa dell’Est. I temi principali sono l'istruzione, l'ambiente e il clima, l'acqua e le infrastrutture, l'agricoltura e il mercato, nonché la promozione della democrazia, delle donne e della pace.  www.helvetas.org

Informazioni sul FiBL

L'Istituto di ricerca per l'agricoltura biologica FiBL è uno dei principali istituti di ricerca per l'agricoltura biologica a livello mondiale. I punti di forza del FiBL sono la ricerca interdisciplinare, le innovazioni comuni con gli agricoltori e l'industria alimentare e il rapido trasferimento delle conoscenze. FiBL può contare sul lavoro di 300 persone nei suoi diversi uffici. www.fibl.org

Blog

Condividi la tua opinione nel blog del Nature Sustainability Research Community “Behind the article

Webinar

Partecipa a uno dei webinar in cui gli autori dell'articolo discutono le loro raccomandazioni con eminenti responsabili politici di tutto il mondo: https://www.helvetas.org/en/switzerland/who-we-are/events/workshops/Webinars

Immagini per il download (Le immagini possono essere utilizzate solo in relazione a questo contesto e con riferimento al copyright – oppure a seguito di una consultazione con Helvetas)